Archivio autore: antonioiannuario

MODELLO UNICO

QUANDO SI RIPERCORRE A RITROSO LA STORIA DELLA TELEVISIONE CI SI IMBATTE SOVENTE IN PROGRAMMI CHE NON POSSONO CHE DEFINIRSI “UNICI”, COME AD ESEMPIO “IL MUSICHIERE”,  “NON E’ MAI TROPPO TARDI”, “L’AMICO DEL GIAGUARO”, “RISCHIATUTTO”, “PORTOBELLO”, E MOLTI ALTRI ANCORA. PROPRIO QUESTA LORO UNICITA’ NON NE HA PERMESSO LA RIPROPOSIZIONE SOTTO FORMA DI SQUALLIDI “CLONI”. CITO, AD ESEMPIO, LO SCARSISSIMO SUCCESSO DI UN NUOVO “LASCIA O RADDOPPIA” OLTRE TRENTANNI FA, O IL PROGETTO, PER FORTUNA ACCANTONATO, DI UNA NUOVA “CANZONISSIMA”. IN QUESTI GIORNI, ASSISTO CON TRISTEZZA ALLA PROGRAMMAZIONE, IN VERSIONE “RELOADED” , DI UN “CAROSELLO” CHE E’ L’OMBRA DEL GLORIOSO SPETTACOLO ANDATO IN ONDA DAL 1957 AL 1977.CAROSELLO

Annunci

IL LAVORO NEI CAMPI

SONO CONVINTO CHE, NELLA CLASSIFICA DEI LAVORI PIU’ AMBITI DAI GIOVANI DI OGGI, FIGURANO QUELLI DEL MONDO DELLO SPETTACOLO E DELLO SPORT. IN PARTICOLARE, QUELLO DEL CALCIATORE E’ SICURAMENTE NEI SOGNI DI MOLTISSIMI ITALIANI, PER LA NOTORIETA’ CHE ESSO PRODUCE MA SOPRATTUTTO PER I GUADAGNI IMPRESSIONANTI CHE I PIU’ AFFERMATI ATLETI POSSONO OTTENERE, ANCHE GRAZIE AL MONDO DELLA PUBBLICITA’. SI DIMENTICA, PERO’, CHE IL NUMERO DI SOGGETTI CHE SFONDANO IN QUESTO SPORT E’ COMUNQUE ESIGUO RISPETTO ALLA TOTALITA’ DEI PRATICANTI. E CHE SPESSO UN’ ATTIVITA’ ANCHE MOLTO LUNGA NON SEMPRE PORTA A STIPENDI ACCETTABILI.ACCONTENTIAMOCI QUINDI DI VEDERLI GIOCARE MENTRE ESSI “FATICANO” SVOLGENDO  L’ONESTO “LAVORO NEI CAMPI”.

L’ETA’ DELLO SVILUPPO

RICORDO TANTI ANNI FA CHE IL RITO DELLO SFOGLIARE GLI ALBUM DI FOTOGRAFIE ACCOMUNAVA MOLTE PERSONE. ED ERA PIU’ CHE NORMALE, PER POTER VEDERE SU CARTA LE IMMAGINI OTTENUTE DALLE FOTOCAMERE, ATTENDERE LO SVILUPPO DELLA PELLICOLA DAL FOTOGRAFO.OGGI LA TECNOLOGIA DIGITALE PERMETTE DI VISIONARE IMMEDIATAMENTE IL RISULTATO DEI NOSTRI SCATTI E, ALL’OCCORRENZA ANCHE DI CORREGGERE EVENTUALI ERRORI. L’ASPETTO NEGATIVO.ALMENO NEL MIO CASO, E’ CHE LE FOTO POSSONO ESSERE OTTENUTE ORMAI DA DIVERSI DISPOSITIVI COME FOTOCAMERE DIGITALI, SMARTPHONE O TABLET CHE IMMAGAZZINANO GRANDI QUANTITA’ DI IMMAGINI. COSI’ GRANDI CHE COMINCIO A RENDERMI CONTO DI QUANTO FOSSERO BELLI E COMODI I VECCHI CARI ALBUM DI FOTOGRAFIE RIGOROSAMENTE DI CARTA.

METRO DI GIUDIZIO

DA SEMPRE SONO APPASSIONATO DI TRASPORTI, SOPRATTUTTO URBANI. NELLE CITTA’ CHE, NEL CORSO DEGLI ANNI, HO VISITATO NON MI E’ MAI MANCATA LA CURIOSITA’ DI VEDERE I  MEZZI UTILIZZATI DAI CITTADINI PER SPOSTARSI. OLTRE A TRAM E AUTOBUS, LA MIA ATTENZIONE SI CONCENTRA SPESSO SULLA METROPOLITANA.RICORDO VOLENTIERI QUELLA DI MILANO, ROMA, NAPOLI, GENOVA ED ANCHE IL  SISTEMA DI MINIMETRO DI PERUGIA ED IL RECENTE PEOPLE MOVER DI VENEZIA.ANCHE ALL’ESTERO E’ STATO PER ME IRRINUNCIABILE UTILIZZARE LE VARIE LINEE PRESENTI A PARIGI, LONDRA, MONACO, MADRID, BARCELLONA, NEW YORK. CONFESSO CHE UNO DEI PARAMETRI CHE CONSIDERO NEL CONFRONTARE LE LOCALITA’ E’ PROPRIO IL TRASPORTO PUBBLICO.

RIPRODUZIONE CELLULARE

C’ERA UNA VOLTA LA NOVITA’ DEI TELEFONINI. POI VENNE IL BOOM E NULLA FU PIU’ COME PRIMA NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI. SIAMO AI PRIMI POSTI NEL MONDO PER NUMERO DI CONTRATTI. UN’ULTERIORE EVOLUZIONE E’ COSTITUITA DAGLI SMARTPHONE, ORMAI DA CONSIDERARE VERI E PROPRI COMPUTER. E ANCHE LA CORSA ALLA MINIATURIZZAZIONE DEI PRIMI TEMPI SEMBRA ESSERSI ARRESTATA ESSENDO GLI ULTIMI MODELLI DOTATI DI SCHERMI SEMPRE PIU’ GRANDI.

ALTRA VELOCITA’

DA CIRCA VENTICINQUE ANNI PRENDO ABITUALMENTE IL TRENO PER RECARMI A MILANO. MI SEMBRA DI RICORDARE, PERO’, CHE IL TEMPO NECESSARIO PER COPRIRE LA DISTANZA DA TORINO AL CAPOLUOGO LOMBARDO NON SIA AFFATTO DIMINUITO, MA, AL CONTRARIO, ADDIRITTURA AUMENTATO, ALMENO PER QUANTO RIGUARDA LA CATEGORIA “REGIONALI”. QUESTO DIMOSTRA COME , PER LE FERROVIE DELLO STATO NON SIA IMPORTANTE MIGLIORARE IL TRASPORTO CHE PIU’ INTERESSA I PENDOLARI MA PIUTTOSTO IL SETTORE DELL’ALTA VELOCITA’. NON SONO AFFATTO CONTRARIO AL PROGRESSO TECNOLOGICO MA UN MAGGIORE IMPEGNO SI IMPORREBBE NEL POTENZIARE I TRENI “NORMALI” DA PARTE DI UN’AZIENDA CHE ADESSO DEVE FARE I CONTI CON L’INGRESSO DI NUOVI OPERATORI PRIVATI.

ARTICOLO DI AFFONDO

NELL’APRIRE I GIORNALI, OGNI MATTINA, CAPITA D’IMBATTERSI TALVOLTA IN ARTICOLI DI FONDO DEI VARI DIRETTORI CHE SI DIFFERENZIANO NON SOLO NEI CONTENUTI, MA SOPRATTUTTO NELLO STILE. AD UNA PROSA ASETTICA E IMPARZIALE VIENE CONTRAPPOSTO UN VERO E PROPRIO “AFFONDO” NEL QUALE SI RIVENDICANO LE PROPRIE RAGIONI, NON SENZA ESAGERAZIONI. DEL RESTO L’IMPARZIALITA’ DI UN GIORNALE NON ESISTE, E FORSE NOI STESSI PREFERIAMO, NELLO SCEGLIERE UNA TESTATA, QUELLA CHE PIUì’ E’ VICINA ALLE NOSTRE CONVINZIONI ED AMMIRIAMO IL CORAGGIO DEL GIORNALISTA CHE SI ESPONE ANCHE A POSSIBILI QUERELE.

ITALIA MOSTRA

TRA LE CONSEGUENZE PIU’ EVIDENTI DELLA CRISI ATTUALE C’E’ LA DIMINUZIONE DEI CONSUMI E DEI SERVIZI, PRATICAMENTE IN TUTTI I CAMPI. MI HA FATTO PERO’ ENORMEMENTE PIACERE CONSTATARE CHE L’AFFLUENZA DEGLI ITALIANI A MUSEI, MOSTRE ED ESPOSIZIONI VARIE, RESTA PARTICOLARMENTE ALTA, ANCHE PER LE AGEVOLAZIONI OFFERTE COME ABBONAMENTI E CONVENZIONI. QUESTO DENOTA COMUNQUE UNA CERTA MATURITA’ DEL PUBBLICO CHE CONSIDERA EVIDENTEMENTE LA CULTURA MOLTO IMPORTANTE PER VALORIZZARE IL NOSTRO PAESE.

FINE DELLE TRASMISSIONI

A VOLTE CERCO DI IMMAGINARE LA GRAN QUANTITA’ DI NOTIZIE CHE CI ARRIVA QUOTIDIANAMENTE ATTRAVERSO I VARI MASS-MEDIA; VIVIAMO NELLA SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE E DOBBIAMO RASSEGNARCI A BOMBARDAMENTI CONTINUI DI MESSAGGI DEI QUALI, TALVOLTA, POSSIAMO ANCHE FARE A MENO. MA UN TEMA INTERESSANTE E’ LA POSSIBILITA’ CHE LA RADIO O LA TELEVISIONE POSSANO AVERE UN FINE EDUCATIVO. IN QUESTO CASO I DUE MEDIA HANNO ENORMI RESPONSABILITA’ NEL SUGGESTIONARE L’OPINIONE PUBBLICA. IL MEZZO RADIOFONICO MA,SOPRATUTTO, TELEVISIVO PUO’ AVERE IN PALINSESTO I PROGRAMMI GIUSTI AL MOMENTO GIUSTO.

SPOTITALIA

VEDENDO I FILM AMERICANI, MOLTI ANNI FA, NOTAVO COME FOSSE INCREDIBILE IL FATTO CHE I CANALI TELEVISIVI  A DISPOSIZIONE FOSSERO MOLTO PIU’ NUMEROSI DEI NOSTRI, E,DI CONSEGUENZA, LA PUBBLICITA’, GIA’ ALLORA, AVESSE UN RUOLO DI PRIMO PIANO. ORA, INVECE, IN ITALIA, ABBIAMO RAGGIUNTO UN AFFOLLAMENTO DI CANALI E, SOPRATTUTTO DI SPOT CHE NON AVREMMO MAI IMMAGINATO. MA, DEL RESTO, CON L’AVVENTO DELLA EMITTENZA COMMERCIALE, TALE SVILUPPO ERA INEVITABILE.